Reading Time: 5 minutes

Come l’anno scorso anche per questo sventurato 2020 la Rubrica Ritmi Letterari propone qualche consiglio di lettura per allietare le vostre vacanze, sopperire a qualche lacunosa idea regalo e iniziare il nuovo anno con energia nuova! Come per l’anno precedente qui a seguito troverete tre sezioni: “Ultimi ma non ultimi”, “Saggi”, “Classici imperdibili”. Ricordate? Nessuna recensione! Ogni volume sarà accompagnato da qualche rima per farvi intuire il contenuto. Cliccando sulle immagini sarete indirizzati direttamente al sito della casa editrice o a quello di Amazon, dove potrete comodamente acquistarlo. Alcuni di questi saranno poi recensiti l’anno prossimo sempre in questa rubrica.

Quest’anno la Rubrica non è stata attiva quanto avrebbe dovuto e voluto, tuttavia spero nella vostra comprensione! Spero di poter ripartire l’anno prossimo con più vigore e soprattutto più tempo!

 

Ultimi ma non ultimi:

  • Filippo Domaneschi

Se “Sei un stolto!” è quello che intendi dire, attenzione perchè la lingua ha altri modi per agire!

 

 

 

 

 

 


  • La matematica è politica, Chiara Valerio

Se l’ordine del mondo vorrai indagare, l’armonia dei numeri prima  dovrai interiorizzare!

 

 

 

 

 

 


  • La confraternita degli storici curiosi, Jodi Taylor

      Non sarà un viaggio nel tempo, ma il rimbalzo non mancherà di certo!

 

 

 

 

 

 


  • Abbandonare un gatto, Murakami Haruki

Esser genitori è un lavoro, ma fare i figli non è di certo tutto oro!

 

 

 

 

 

 

 

 


 

  • Bastava chiedere! 10 storie di femminismo quotidiano, Emma

Il patriarcato non è finito, che sia colpa del pavimento troppo poco pulito?

 

 

 

 

 

 

 


  • Gideon la nona, Tamsyn Muir

Se la spada vuoi sfoderare, le conseguenze dovrai affrontare!

 

 

 

 

 

 

 


Saggi:

  • Un’etica del lettore, Ezio Raimondi

Uno scrittore ha di che contemplare, ma un buon lettore lo deve rispettare!

 

 

 

 

 

 

 


  • Il futuro del libro, Robert Darnton

Se del futuro del libro vogliamo parlare, “che cos’è un libro?” ci dobbiamo innanzi tutto domandare!

 

 

 

 

 

 


 

  • Libro, Gian Arturo Ferrari

Dalla creta, alla carta, al digitale, siamo forse diventati delle cicale?

 

 

 

 

 

 

 


  • Storia imprevedibile del mondo, Sam Willis e James Daybell

Il 2020 è stato un sorpresa, ma forse è l’unico anno in cui l’umanità è stata lesa?

 

 

 

 

 

 


  • La fabbrica del consenso, Noam Chomsky e Edward S. Herman

La bolla non è facile da individuare, ma la politica e mass media perchè la continuano a gonfiare?

 

 

 

 

 

 


 

Classici:

  • Horcynus Orca, Stefano D’Arrigo

Quando il cambiamento ti fa paura da affrontare, cerca di stare a galla o l’orca ti farà affondare!

 

 

 

 

 


  • Papà Goriot, Balzac

Non è un padre del dono, non è un padre assente, è il padre del capitalismo che uccide la figlia ridente!

 

 

 

 

 

 


  • Amleto, William Shakespeare

Se i sogni hai difficoltà a gestire, pensa ad Amleto e al suo fantasma da nutrire!

 

 

 

 

 

 


  • Armance, Stendhal

 

Un amore difficile con questo libro vai ad incontrare, attento a non farti sopraffare!

 

 

 

 

 

 


  • Altri libertini, Pier Vittorio Tondelli

 

Se è un romanzo o un viaggio di racconti dovrai capire, ma di oscenità si potrà mai dire?

 

 

 

 

 


  • Rumore Bianco, Don Delillo

La morte è dura da digerire, ma se sei ancora vivo non ti resta che gioire!

 

 

 

 

 

 


  • La donna leopadro, Alberto Moravia

Un giorno che l’Africa vorrai scoprire, assicurati di avere dei buoni compagni languire!

 

 

 

 

 

 


  • Diceria dell’untore, Gesualdo Bufalino

La malattia è un brutto affare, tenere un diario potrebbe aiutare!

 

 

 

 

 

 

 

Vorrei concludere augurando a tutti voi anche un buon anno nuovo, quest’anno ha portato con sè sofferenze indicibili, ma sappiate che pur lontana vi sono vicina. Spero che i libri in questi mesi vi abbiano aiutato a superare dolori e stanchezze, che sia stato portandovi in mondi magici o semplicemente regalandovi un amico da ascoltare.

Virginia

è nata nel 1996 a Pesaro, si è laureata in Lettere Moderne con una Tesi in Letteratura Italiana Contemporanea rigurardo “Lo sfacelo dell’istituzione familiare ne Gli indifferenti di Alberto Moravia”. Ha lavorato per Mangiatori di Cervello, premiato ai Macchianera Awards nel 2016 e ha intrapreso un breve percorso nel mondo della cronaca. Nonostante l’inesauribile passione per la letteratura si è avvicinata al mondo del Marketing e della Comunicazione cui ha sostenuto diversi esami durante il percorso di studi. Mentre frequenta la Magistrale in Italianistica lavora nell’ambito della comunicazione politica. Già appassionata sin da giovanissima ha pubblicato “Elle” nella collana di Rupe Mutevoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *