Numero 35

Pesche amare

di Martina Pastori

 

“Piccolo Sud #51” di Emiliano Cribari

Ti ricordi quell’estate

le tue guance un po’ salate

e l’odore blu del mare

quelle pesche troppo amare

ti ricordi che nel buio

tu mi sussurravi io muoio

muoio se non posso averti

muoio se non posso amarti

 

E quel letto troppo stretto

il tuo orecchio sul mio petto

la tua pelle d’oro e perle

gli occhi muti delle stelle

 

Ti ricordi i gigli in fiore

quel mio fare da pittore

quando con l’amore in viso

disegnavo il tuo sorriso

io e te e un campo di grano

mi ridevi nella mano

mi dicevi spegni il sole

tra i tuoi ricci, sale e viole

 

E quel letto ormai bollente

quando mi dicevi assente

sopra il canto delle onde

questo amore è troppo grande

questo amore non è per me

 

Ti ricordi quel settembre

la bufera e le sue ombre

le valigie sulla soglia

sulla spiaggia una bottiglia

sul mio letto l’orma vuota

di una storia mai vissuta

di un amore non più giusto

di un amore morto presto


freccia sinistra freccia