Autori

Donatello Cirone: fondatore de L’Irrequieto, nato nella valle del Sauro, in Lucania, nel 1986. Ha pubblicato due silloge poetiche: La vita di una morte, LibroItaliano, Ragusa 2005 e Gl’oratori del nulla, Amorsog et Oream, Il filo, Roma 2007.
Scritti pubblicati su L’Irrequieto.

Alessandro Xenos: fondatore de L’Irrequieto, Nato a Firenze l’8 ottobre 1986. Dopo una triennale in Scienze Politiche, nel 2010 decide di trasferirsi in Francia per proseguire i propri studi. Giornalista a France 24, vive e lavora a Parigi, dove continua ad amare la poesia in tutte le sue forme.
Scritti pubblicati su L’Irrequieto.

Eva Luna Mascolino è nata nel 1995 a Catania, dove si è laureata in Lingue curando la prima traduzione mondiale di “Cap Africa”, una raccolta poetica del tunisino Moncef Ghachem. Dal 2016 si è invece trasferita a Trieste per studiare russo, francese e rumeno alla Scuola per Traduttori e Interpreti. Affascinata delle parole fin da sempre, nel 2010 ha vinto il Premio di Poesia Kivanis in un concorso locale e ha iniziato a collaborare con il quotidiano online “Voci di Città” nel 2011, di cui è stata caporedattrice e vicedirettrice. Nel 2015 ha poi vinto il Premio Campiello Giovani con il racconto “Je suis Charlie” e recensisce adesso narrativa per il blog “Il Rifugio dell’Ircocervo”, oltre a gestire la pagina facebook “Eva Luna racconta” e a essere in trattativa per una prima pubblicazione editoriale. Chiacchierona e assetata di risposte, ama viaggiare per l’Europa con fotocamera alla mano, guardare serie tv e strimpellare il pianoforte.

Giampaolo Giudice, classe 1984, romano di nascita. Dopo il liceo inizia la facoltà di lettere, che lascia per arruolarsi nell’esercito. Inizia qui a scrivere quasi giornalmente. Al termine di questa esperienza pubblica il suo primo libro di poesie: La Vita Guardata (Il Filo 2007), seguito da vari traslochi in cui si innamora di Torino. Nel 2011 pubblica il suo secondo libro di poesie: Prossima fermata: notte. Al momento gestisce un profilo Instagram ed una pagina facebook con lo stesso nome: IlquadernodelsignorG. Scrive di quello che vede, anche se quello che vede non sa nemmeno lui bene cos’è.
Scritti pubblicati su L’Irrequieto.

Giuseppe Semeraro è nato a Pezze di Greco ( BR) e vive a Lecce. Si occupa di teatro sia come attore che come regista. Per la compagnia Principio attivo teatro ha realizzato diverse regie e performance. Insieme al teatro si occupa di poesia pubblicando Nomi d’angela (1998 ), Cantica del Lupo (2004), Convalescenza di un poeta (2014) e Due parole in croce (2015). Nell’ultimo anno è ideatore e interprete dell spettacolo sulla figura di Danilo Dolci dal titolo Digiunando Davanti al Mare.

Ferruccio Mazzanti nasce a Firenze nel 1983. Si laurea in filosofia estetica con una tesi sul rapporto tra mass media e letteratura. Viaggia da tutta la vita il più possibile in relazione alla disponibilità di soldi e tempo. Scrive poesia e prosa da quando andava alle medie, di critica cinematografica da quanto ha cofondato Infugadallabocciofila, di critica letteraria da quando ha cofondato Il mondo o nulla.

Ferdinando  Morabito.  Nato a Polistena (RC) il 27/06/1981, ha pubblicato: A Istanbul con New Hair, (2015) edito da “Hexagon Group”, “Patagonia 1942  Il mondiale insabbiato”, (2015) romanzo edito da “Sensoinverso edizioni”, “La rivincita di Vicolo corto” (2014), romanzo edito da “Città del Sole Edizioni”, “L’epoca grigia” (2013) romanzo edito da “Argo Edizioni”, considerato come uno dei migliori lavori giunti alla giuria del premio letterario “La Giara” nell’edizione 2012, “Precarietà a tempo indeterminato”  (2010), edito da “Sensoinverso edizioni”, “Viaggiatori immaginari. Dal viaggio-meta al metaviaggio”, saggio pubblicato nel 2011 da “Athena editoriale”, “Farfalle e fiori d’arancio”, “Sei amici e un matrimonio” e “Il viaggio più bello”, tre romanzi brevi facenti parte del “Progetto Wedding”, collana curata da Sensoinverso edizioni e dedicata al matrimonio, Un solco nella terra dei diritti lungo un quarto di secolo”, romanzo realizzato in occasione del 25° anniversario della F.N.A. – Federazione Nazionale Agricoltura, edito da “Argo Edizioni” nel 2013. Dal 2009 al 2015 ho scritto per il mensile “Il Paese Possibile”, occupandomi di diversi argomenti e curando la rubrica di cultura. Dal 2013 ho collaborato anche con il mensile “Udicon News” dedicato alla tutela dei consumatori. Ho pubblicato articoli di carattere culturale anche per le testate online “Wakeupnews” e “Tr3nta”. Ha pubblicato “Una famiglia per bene” ERETICA Edizione, 2017.

Sonia Aggio è nata nel 1995 e vive a Frassinelle Polesine (RO). Studia “Storia dal medioevo all’età contemporanea” all’università Ca’ Foscari e sogna di diventare scrittrice. Ama i romanzi storici, i paesaggi fluviali, l’aviazione nella Prima Guerra Mondiale e la storia dell’Impero Romano d’Oriente.”

Emanuela Cocco, drammaturga, ha scritto monologhi, atti unici e drammi in cinque atti. I ciechi (2013, Nerosubianco edizioni; finalista a Per Voce Sola 2013) Le madri atroci (2012, Feltrinelli editore; audio dramma prodotto da Fonderia Mercury; scritto con Sandrone Dazieri) Nuovi consigli alla piccola Peyton ( 2011, audiodramma prodotto da M.I.L.K.) Con Arido amore, Piero Gobetti (2011, in collaborazione con il Centro Studi Piero Gobetti) Lulu, Ruud e le altre (2010, Nerosubianco edizioni; vincitore di Per Voce Sola 2010) Quando hanno steso il vecchio (2009, Edizioni Corsare; finalista “Bianca Maria Pirazzoli” Teatro Libero di Bologna) Nel giardino (2006, Borgia Editore; 2014, Scena Muta; vincitore Donne e Teatro). Con la compagnia Franz BiberkOff Teatro ha messo in scena i suoi spettacoli, scritto e realizzato audiodrammi e Reading- spettacolo sulla narrativa e la poesia del Novecento italiano. Ha lavorato come operatore in unità di strada in progetti riguardanti il disagio giovanile e le donne vittime di violenza domestica. Nel 2015 ha dato vita a Dr. Script, un progetto itinerante di animazione alla lettura. È redattrice della rivista di drammaturgia “Perlascena-non periodico per una drammaturgia dell’oggi” Suoi racconti sono stati pubblicati su “Verde Rivista” e “L’Irrequieto”. Scrive di quello che legge sul blog: congetturesujakob.wordpress.com Sta per pubblicare il suo primo romanzo.

 

Fabio Ramiccia nasce a Latina nel 1983. Frequenta, fin dall’adolescenza, scuole, corsi e workshop, anche internazionali, di recitazione e regia e partecipa a contest e festival in Italia e all’estero. Viene premiato, nel 2008, a Strasburgo dal Parlamento Europeo e, nel 2009, al Festival Internazionale di Praga. Ora può vantare un teatro tutto suo, “Teatro Spaziozeronove”, ne cura gli spazi e li riempie. Almeno si adopera perché questo avvenga. Non si accontenta: inizia a scrivere compulsivamente poesie sul suo cellulare, fa ritratti con le parole. Continua a studiare e imparare.

 

Clelia Attanasio: classe 1995, ha frequentato la primina (svolta decisiva della tenera età) ed è all’ultimo anno della laurea magistrale in Filosofia presso l’Università degli Studi di Salerno. Desidera ardentemente un dottorato e di diventare scrittrice; nel 2015 è stata finalista del Premio Campiello Giovani con il racconto “Fuoco”. Dal 2016 è parte della redazione del blog letterario “Il Rifugio dell’Ircocervo”, e nel 2017 ha pubblicato il racconto “E non cadde più” presso la rivista letteraria “CrapulaClub”. Non smette mai di leggere, ascoltare musica e guardare film. Vorrebbe viaggiare di più e parlare meno: ci sta lavorando.

Luca Tosi è nato a Cesena nel 1990. È autore di racconti e storie per il cinema. Suoi testi sono stati pubblicati su Nazione IndianaCrapula Club e Poetarum Silva. Nel 2017 ha vinto il premio letterario Coop for Words con il racconto breve “Coraggio”. Lavora come correttore di bozze.

Mattia Rutilensi ha studiato Lettere Moderne Firenze e Italianistica a Bologna, dove si è laureato con una tesi su Abbiamo le prove. Nel frattempo ha fatto parte di Riot Van e di Radiovaldarno, oltre a collezionare altre collaborazioni on e off-line. Il suo spazio personale è questo.

Simone Bachechi è nato nella campagna toscana 47 anni fa fra campi di mais, zucchine, melanzane, carote e aie piene di anatre, oche e galline. Pensò di trasferirsi qualche anno più tardi a Firenze per studiare filosofia teoretica passando gran parte della sua gioventù  su testi di Rudolf Carnap, Saul Kripke, Ludwig Wittgenstein, il circolo di Vienna e altre amenità di questo genere: quando si dice due braccia rubate all’agricoltura. Poi ha fatto altre cose e per resistere legge, soprattutto racconti, ogni tanto ne scrive, alcuni di questi sono su Spaghetti writers, Svolgimentoblog, Verderivista, Spazinclusi, articoli e recensioni su IlMondooniente, Lucialibri e Minima&moralia, un suo testo è presente sul sito ufficiale dedicato a Antonio Tabucchi, un romanzo destinato a rimanere per sempre inedito.

 

Chiara Trombetta è nata a Sora (FR) il 16 aprile del ‘95. Laureanda in Mediazione linguistica e culturale, scrive racconti e poesie. Legge fino a friggersi i bulbi oculari e spera di poter viaggiare tanto da sentire i crampi ai polpacci. Sorrisi, pallore e paranoia.

 

Martina Pastori è nata nel 1997 e vive a Rho. Studia Lettere, frequenta il corso per autori della scuola di Mogol e coltiva l’amore per la scrittura alla scuola Holden. È stata finalista al Campiello Giovani nel 2016 e nel 2017. È cresciuta a torte di carote, musical e libri – il suo preferito: “Occhi di cane azzurro” di Màrquez – e ama tenere accese le lucine di Natale tutto l’anno. Scrivere è il suo chiodo fisso e la sua ambizione per il futuro.

 

Luca Abbattista è nato a Corato, in provincia di Bari, e vive a Parigi. Ha pubblicato su «Lettera Zero» alcuni articoli di critica sui primi romanzi della collana diretta da Vanni Santoni per Tunué, su Demetrio Paolin e Michele Mari. Con una passione per la letteratura comparata sta scrivendo una tesi sui rapporti tra Leonardo Sciascia e la cultura letteraria francese.

 

Giuseppe Caretta ha trentaquattro anni, e si è quindi lasciato alle spalle il momento nel quale ha avuto l’impressione di essere stato crocifisso come il Cristo. Adesso è convinto d’essere ormai prossimo alla Resurrezione. Prima di questa illuminazione ha cambiato spesso residenza senza mai avere un’idea precisa del perché. Nato a Lecce, dopo la scuola ha deciso di trasferirsi a Bologna per fare la rivoluzione. Da qui, consumati a dovere i festeggiamenti per la laurea, e capito che non c’era nessuna piazza Rossa nei dintorni, è volato verso Berlino, dove ha portato avanti la laboriosa opera di logoramento del proprio sistema simpatico tramite una vita dissipata e dissoluta. Dopo la Germania è tornato in Italia, a Napoli, e da qui è poi andato a vivere ad Atene assieme ad una donna che non ha mai più rivisto. In tutto ciò, la scrittura ha costituito l’unica vera costante della sua vita. Ha pubblicato una silloge poetica dal titolo “Imprinting” (Il filo). Ha pubblicato alcuni racconti sul blog MySecretDiary e sulla rivista Hellin Selae. Si è classificato secondo al concorso internazionale “Penna d’autore 2017”, ha scritto una sceneggiatura cinematografica per un committente privato, ha collaborato in qualità di redattore al quotidiano online Newnotizie, sta completando l’iscrizione all’albo dei giornalisti, ha appena terminato un romanzo che adesso aspetta un editore. Continua a leggere, a scrivere, a vivere. Sempre.

 

Elena Ramella, classe 1995, studentessa di Lettere all’Università di Torino. Esordisce nel 2015 con Lettere dalla notte, una raccolta di racconti edita da Edizioni LaGru. Nel 2016 esce Melograno, romanzo breve edito da Echos Edizioni. Studia un anno in Francia, presso l’Université de Savoie. Nel frattempo continua a pubblicare racconti on-line, collaborando con Readers for Blind, TanteStorie e l’Inquieto Magazine.

Valentina Casadei è una sceneggiatrice, poetessa e fotografa italiana, residente a Parigi da tre anni. Si è laureata in storia dell’arte a Bologna e ha appena finalizzato un master anglofono in regia e sceneggiatura a Parigi. Gli ultimi due anni, ha girato due cortometraggi “Tutto su Emilia” (2016) e “I Nostri Giorni Benedetti” (2017), che sono stati selezionati in molti festival internazionali.

Martina Marasco ha ventisette anni e viene da Varese. Dopo aver abbandonato una triennale in Lettere appena prima della laurea, si è iscritta al biennio della Scuola Holden perché una volta ogni tanto, nella vita, bisogna pur fare ciò che si vuole e non solo ciò che si deve. Ha fondato un blog di racconti brevi illustrati, Narrandom, e scrive per ilLibraio.it. Legge – anche – per capire le persone e scrive – anche – per farsi capire dagli altri.

Claudia Muscolino è nata a Firenze, laureata in Scienze Politiche, funzionario della Pubblica
Amministrazione. Ha sempre coltivato una profonda passione per la poesia e la letteratura. Nel
2012 ha pubblicato la prima raccolta di poesie Il Drago e le nuvole. In seguito agli spunti offerti da un corso di scrittura creativa, ha cominciato a dedicarmi alla narrativa e il suo primo racconto è stato pubblicato nella raccolta Tagli 33 scritture, curata da Marco Vichi. L’opera di narrativa A casa per Natale e racconti per tutto l’anno è stata tra i vincitori del premio letterario Città di Murex 2016 nella categoria inediti. Ha partecipato con poesie e racconti a varie antologie. La sua pubblicazione più recente è la silloge Carichi dispersi, Edizioni del Poggio, 2017.

Enrica Gatti è nata a Sassuolo nel 1985, ha studiato un paio di anni al Dams di Bologna e all’Accademia di Musica di Modena per poi scoprire la propria strada professionale nella Psicologia, che studia tuttora all’Università di Modena e Reggio Emilia. Lavora nell’ambito del Welfare. Madre e donna con la passione per le persone e per l’arte.

Sara Gambolati abita a Padova, lavora nella pubblica amministrazione e ha cominciato a scrivere storie della buonanotte per le sue bambine. Soppiantata presto da Hanry Potter e Percy Jackson, ha capito che era abbastanza grande per scrivere racconti per adulti. Alcuni di questi sono stati pubblicati su Treracconti, Spazinclusi, Spaghetti Writers, Altri Animali, Senzaudio, Yapw, Carie, Tuffi, L’Inquieto e Reader for blind.

Lorenzo Mandalis nasce a Livorno nel 1989. Si laurea all’università di Pisa con una tesi triennale sul Passaggio d’Enea di Caproni e una tesi specialistica sul rapporto tra allegoria e realtà nella poesia caproniana. Nel 2013 studia alla Royal Holloway – University of London come studente Erasmus. Nel 2015 frequenta il master di Literary Translation al Trinity College di Dublino. Tornato in Italia, si trasferisce a Venezia dove tuttora lavora come insegnante di Lettere. Parallela all’attività di studente e insegnante, è quella di scrittore di poesie per le quali si è distinto in alcuni concorsi nazionali. Alcuni suoi versi sono stati pubblicati nel 2013 su «Erba d’Arno», nel 2015 sul blog Il Primo amore  e nel 2017 e 2018 su Poetarum Silva.

Francesco Spiedo nasce a Napoli, studia come ingegnere, lo diventa e poi giura che non lo sarà mai. Alcuni suoi racconti sono apparsi su Crapula, Verde, Lahar, Pastrengo, Firmamento, GradoZero, Narrandom et al. Collabora con la rivista Ammatula e ha frequentato un master in scrittura creativa – alla Belleville di Milano. Lavora come ghostwriter e copyfreelance, si dice che la sua commedia Così non si va avanti faccia ridere molto, ma imperterrita la sua vita resta una tragedia greca. Vive tra Milano e Pantelleria, accetta sovvenzionamenti in buoni pasto e punti Esselunga.

Alessandro Ceccherini nasce a Poggibonsi (SI) nel 1985. Laureato in Filosofia, ha conseguito un master in Traduzione specialistica dall’inglese all’italiano. Vive tra Certaldo (FI) e Genazzano (RM). Ha pubblicato un racconto, “Fossili”, su Split, vetrina letteraria della casa editrice Pidgin.

Nicola Griffante nasce una trentina d’anni fa sotto il segno dei gemelli in un piccolo comune di una piccola provincia del Nordest italiano. A 10 anni possiede la collezione di Topolino più vasta della zona, ma sua madre li brucia tutti a causa di un trasloco: per vendetta o abreazione decide di voler fare lo scrivente. Due anni di teatro al DAMS di Bologna non calmano la sua bulimia esistenziale; inizia a girare per il mondo facendo (male) n mestieri, fino ad approdare alla Scuola Holden di Torino, dove attualmente passa la maggior parte delle sue giornate perso tra inchiostro e bovarismi.     

Gaia Tomassini è nata a Pordenone nel 1994, ma risiede a Trieste da tempo. Studia Giurisprudenza presso l’Ateneo triestino, però appena può fa le valigie e parte. Se fosse per lei sarebbe sempre estate – con qualche raro intervallo di autunno e primavera -, viaggiare sarebbe gratis e il gelato non avrebbe calorie, anzi farebbe dimagrire. Mentre aspetta che i suoi desideri si realizzino, riempie la giornata di impegni: oltre alla scrittura e ai viaggi c’è soprattutto lo sport. Nel corso degli anni ha partecipato a svariati concorsi di scrittura, vincendone alcuni; il risultato più importante è stato essere entrata nella cinquina finalista del Campiello Giovani 2016.

Floriana Porta è nata a Torino nel 1975. È poetessa, fotografa, pittrice e collabora con diversi siti e blog letterari. Ha pubblicato sette libri di poesie e haiku. I temi principali della
sua poetica sono: il tempo, le forze cosmiche e la ricerca dell’essenzialità. Si occupa anche di paleontologia e design. Sito web www.florianaporta.it

Ileana Morriconi scrive racconti per se stessa da quando ne ha memoria, ma solo nel 2011 decide di misurarsi con l’esterno. Frequenta il laboratorio di scrittura della Scuola Omero di Roma, da cui raccoglie esperienze, confronto e spunti di riflessione che lascia decantare per qualche tempo. Nel 2014 frequenta il laboratorio di scrittura narrativa della Biblioteca Cornelia, condotto dal Prof. Sergio Kraisky, dal quale nel 2015 vengono prodotte due raccolte autopubblicate: Fantasmagorie, in cui pubblica il racconto dal titolo “Fantasmi di famiglia” e Strade straniere, in cui partecipa con il racconto “Treni” scritto a quattro mani. Da questa esperienza di gruppo e condivisione, nasce l’associazione CorneliaScript, di cui fa parte ancora oggi. Nel 2016 fonda il blog di scrittura creativa “Spazinclusi” insieme ad altri due autori, in cui pubblica un racconto al mese. Di questi, Fame è apparso nella raccolta “La fine di un amore” (Montegrappa Edizioni) e Fumo di Londra è stato pubblicato nel portale di racconti Reader for Blind.

Gregorio Volpi è nato nel 1997 a Città di Castello (PG). Il suo amore per la letteratura italiana lo ha portato a trasferirsi a Bologna, dove è iscritto a Lettere moderne alla Scuola di Lettere e Beni Culturali. Scrive per comprendere meglio se stesso e la realtà che lo circonda.

Nicolò Monti nasce a Modena nel 1998. Alcuni anni fa, spinto dagli amici e dal desiderio di lavorare con i libri, crea un Blog di letteratura occupandosi prevalentemente di autori scandinavi o islandesi, progetto che lo porta anche a scrivere racconti e poesie. Desideroso di migliorare la propria scrittura, partecipa a un corso della Scuola Holden di Torino dedicato al racconto e diretto dalla vincitrice del Premio Campiello Opera Prima 2017 Francesca Manfredi. Gli autori che lo hanno ispirato maggiormente sono D’Ambrosio, Antrim e Carver.

Antonio Giugliano, napoletano, ha pubblicato racconti in diverse antologie, tra cui alcune edite da Giulio Perrone Editore. Ha collaborato con la rivista online Crapula Club. Nel 2017 ha pubblicato il romanzo Love kaputt, Augh! Edizioni.

Eleonora Santamaria è nata a Salerno il 21 Maggio 1993 da madre americana e padre molto salernitano. Fin da piccola, consuma biro. Si laurea a Pescara in filosofia con una tesi su
Antigone. Si trasferisce a Roma dopo la laurea per iscriversi all’Accademia di ricerca teatrale Acting. Nel 2017 pubblica il suo primo libro, Un manichino elegante, che vince la medaglia d’argento del premio letterario Amarganta. Collabora, sempre a Roma, come sceneggiatrice con il Teatro dell’Orologio.

Massimiliano Piccolo (1982) ama passeggiare tra i boschi e viaggiare. Sta per partire per un lungo viaggio in America Latina. Ha pubblicato tre raccolte di poesia, l’ultima con Italic Pequod di Ancona. Ha pubblicato racconti su Pastrengo, Argo, Firmamento, A Few Words, Inutile, A-Rivista Anarchica e Crapula.

Giorgia Bianchin nasce a Treviso nel 1984. È nata sotto la neve quando la primavera avrebbe dovuto insistere di più. Scrive frasi in angoli di quaderni aspettando da sempre l’estate. Ascolta musica tormentata per ricordarsi che ci sono cose più importanti della felicità. È profondamente fuori sincro. Scrivere è il suo gesto d’amore.

Angela Ceraso è nata a Napoli nel 1978. È autrice, ghostwriter e giornalista. Ha pubblicato Call Center con Andre Oppure Editore (2005), Tutto per un bacio con Innede Edition (2014), Amore a ritmo di SMS con Armando Curcio Editore (2016), Un giorno con Mongolfiera Editrice (2017). Scrive per le testate XXI Secolo, Reportweb, Selfservice e Confessioni Donna.

Suhir Knani, nata a Ragusa il 1996, studia lingue all’Università Kore di Enna. Ha tanti sogni e tanto tempo da riempire. Non ama nulla che non sappia d’amore e ha una passione per tutto ciò che ha un’anima. Legge tanto, quasi quanto respiri e spera un giorno di far qualcosa di buono.

Mimì Burzo è nata a Matera e cresciuta a Roma. Usa poco e “male” il verso. La sua scrittura è piuttosto una prosa poetica: un grosso esperimento di demolizione delle identità a vantaggio dell’essere un nulla.

Barbara Monorchio è nata a Milano nella prima parte degli anni 80, ma arriva da innumerevoli molti altri dove e quando. Molto sensibile, appassionata di esoterismo e spiritualità, si diletta a scrivere usando solo Bic nere.

Maria Fabia Simone è nata nel 1983 a San Giovanni Rotondo (FG), si è laureata in Relazioni Internazionali presso l’Università di Bologna e in Studi Europei presso Sciences Po Strasbourg. In Francia, presso l’Università di Tolosa, ha inoltre conseguito un Master in Relazioni Internazionali e Politiche di Sicurezza. Dal 2005 al 2010 ha vissuto all’estero (Francia, Belgio, Irlanda, Grecia, Stati Uniti) per compiere i suoi studi e svolgere tirocini presso le istituzioni europee e le organizzazioni non governative. Nel 2006 ha lavorato come assistente parlamentare al Parlamento Europeo e, dal 2010, dopo essere rientrata in Italia, ha rivestito ruoli professionali in diversi settori, quali l’immigrazione, la progettazione europea e la comunicazione. Dal 2016 al 2017 ha seguito a Roma il corso di scrittura creativa “Nonameslab” partecipando alla stesura collettiva di un romanzo. Attualmente vive a Roma.

Rosita Bellometti vive a Firenze, ha studiato archeologia medievale e si è occupata di beni culturali prima con l’Università, in seguito in una casa d’aste. Ha curato un laboratorio sperimentale all’Università di Pisa che univa rievocazione e storytelling, ha scritto per quattro anni la drammaturgia per teatro di piazza rinascimentale per la rievocazione “Palio di Isola Dovarese”, con progettazione di scenografie e di attrezzerie, ha fornito varie consulenze in questo ambito. Ama le montagne, il cinema, il teatro, la letteratura, l’antropologia, le vere amicizie vissute di persona.

Nataša Cvijanovic’ è nata a Grado 38 anni fa da genitori jugoslavi. Attualmente vive a Gorizia con suo marito e suo figlio. Ha pubblicato due romanzi La dama e l’aquila (2012), Tempora d’autunno – una guerra di Streghe e Benandanti (2015) e un ricettario con il quale ha vinto il primo premio del concorso letterario « Donne tra ricordi e futuro » della Città di Pratovecchio (AR), Il ricettario di Baba Ljuba – la cucina rurale jugoslava” (2014), tutti editi da Segno Editore. Gestisce la pagina Facebook I Benandanti e le Streghe del Friuli. Con il nom de plume Nat Van De Bloem nel luglio del 2017 ha aperto il blog www.arteculturae.com, con lo scopo di avvicinare i lettori a tutto ciò che di culturale, creativo e talentuoso esiste in Italia, con una particolare attenzione alla sua regione.

Ilaria Gentile è nata nel 1997 in Friuli. Frequenta il secondo anno del corso di Conservazione dei Beni Culturali dell’Università di Udine. Amante della poesia, scrive da quando è bambina. Nel 2017 vince il concorso indetto dal Club Unesco di Udine sul tema della Pace con l’opera poetica A Dio ho chiesto aiuto.

Giada Tommei è nata nel 1988 a Pistoia. È laureata in lingue e impiega il tempo libero nella stesura di racconti, dialoghi e articoli di giornale. I suoi temi preferiti sono la tristezza e l’autodistruzione visti come un intimo inno alla felicità.

Pietro Romano, laureato presso l’Università degli Studi di Palermo in Lettere Moderne con una tesi dal titolo Le due anime di Giuliana Saladino. Tra giornalismo e letteratura, è autore di una raccolta di poesie, dal titolo Il sentimento dell’esserci (Rupe Mutevole, 2015), nonché di diverse prefazioni e recensioni per libri pubblicati da Rupe Mutevole. Suoi testi compaiono in diverse antologie e riviste.

Vincenzo Carriero, nato a Napoli nel 1975. Dopo aver studiato economia, auspica il crollo del capitalismo e un mondo senza giacca e cravatta. Gli piace la birra scura, giocare col suo cane e girare il mondo. Scrive romanzi e lavora a tempo perso. Vorrebbe passare il resto della vita senza i social networks.

Matteo Nicoli dopo essersi diplomato al liceo scientifico G. Natta di Bergamo nel 2013, si laurea in filosofia alla Statale di Milano nel febbraio 2017 con una tesi sulla riforma della dialettica hegeliana proposta, nel XIX secolo, da Bertrando Spaventa, intitolata “La questione del cominciamento della logica in B. Spaventa”; attualmente frequenta il IV anno del medesimo corso di laurea.

Iacopo Accinni nasce a Roma nell’ormai già lontano 1986. Di origine bretone, vive, lavora e paga le bollette a Parigi. Laureatosi in Scienze Politiche – Relazioni Internazionali, a cui si aggiunge una formazione ed un MBA in Arts and Cultural Management, ad oggi lavora nel settore della edizione musicale digitale. Tra un vinile e la pagina piegata di un racconto lasciato a metà, Iacopo scrive, ascolta e si nutre di storie. Ama la fotografia, viaggiare e correre.

Luigi Balice è nato a Bari, nel gennaio dell’87, ha studiato Macroeconomia tra Bologna, Torino, Londra e Parigi, città in cui vive ormai da quattro anni. Ha dedicato anni di studio alla sempiterna Questione Meridionale. Oggi accompagna artisti e creatori di contenuto culturale nei loro processi di sviluppo multimediale, è responsabile del neonato progetto editoriale Asinamali. Nel tempo libero litiga con i vicini di condominio.

Luca Saracino è nato a Fiesole nel 1980. Vive e lavora a Firenze. Ha pubblicato le raccolte di racconti Prima del capolinea (2012) e Silenziosamente (2014) con Edizioni della Meridiana.  Dal 2008 al 2015 ha scritto su Siamelli, blog di cui è cofondatore. Da gennaio 2016 scrive sul suo nuovo blog,  Dinosauri.
Dal 2015 al maggio del 2016 ha curato su L’Irrequieto la  rubrica  i melograni.

Mara Abbafati: è nata nel 1980, lavora come traduttrice, redattrice editoriale e dialoghista. Crede nella sintesi.
 …..
Laureline Loyez è nata nel 1985 nel Territorio di Belfort, in Francia. Dopo gli studi di filosofia e di arte, si orienta al teatro iscrivendosi al conservatorio d’arte drammatica di Strasburgo. Di ritorno nella sua regione natale, inizia a cantare, con lo pseudonimo di LauDeLaMuerte, cercando di creare e condividere emozioni. Si ispira, tra gli altri, dei situazionisti e d’A. Artaud. L’amore, la libertà, i viaggi e la follia sono i suoi temi prediletto
 ……

Marco Brion è un ghostwriter e web content editor freelance. Nato a Thiene il 25/3/1991, attualmente vive in Provincia di Treviso, dove passa il tempo a correre fra i colli, fumare pesante e leggere tutto quello che gli riesce di piratare. Ogni tanto gli capita anche di lavorare.

Riccardo Socci, nato nel 1991 a Recanati (MC). Laureato in Lettere moderne presso l’Università di Siena, è attualmente iscritto al corso magistrale in Lingua e letteratura italiana presso l’Università di Pisa, dove si dedica in particolare allo studio della poesia contemporanea e all’insegnamento dell’italiano a stranieri. Alcuni suoi testi sono apparsi sui blog “Poetarum Silva” e “Cultura Oltre”.
 …………
Riccardo Meozzi nasce a Città di Castello il 25/08/1994. Legge più di quanto scrive e fa entrambe le cose da quando ha memoria.
 …….

Federica Gullotta è nata nel 1991 e abita a Faenza (Ra), in Emilia-Romagna. Scrive poesie e racconti da quando aveva 5-6 anni, ma preferisce esprimersi attraverso la poesia. Nel 2015 ha pubblicato per la Società Editrice MonteCovello la sua prima raccolta di poesie “Per non piangere”.

Willy Mbonji è nato in Camerun, si trasferisce nel 2009 in Italia, a Firenze, dove studia ingegneria biomedica. Di indole solitaria, non scrive per passione, piuttosto per urlare in silenzio.

Louis Watier: sta scrivendo una tesi in letteratura comparata all’Università Paris IV La Sorbonne e co-dirige la rivista “Epreuves“. Traduce dall’italiano e dall’inglese.

Fiorella Malchiodi Albedi lavora come medico in un ente pubblico di ricerca. Da qualche anno scrive racconti e memoires. Ha pubblicato dei racconti su Il paradiso degli orchi e su Verde.

Marco Puleri: è nato a Palermo il 18 Gennaio del 1985. Vive a Firenze. Si interessa e scrive di letteratura russa e ucraina contemporanea.

Emanuele Martinuzzi: è nato nel 1981 a Prato in Toscana, dove vive tutt’ora. Da molti anni si dedica alla poesia. Si laurea all’Università degli studi di Firenze in Storia della filosofia medievale con una tesi sulla Teologia negativa. Nel 2012 ottiene all’unanimità il Premio della Giuria Poesia al Concorso di Letteratura a carattere internazionale “Città di Pontremoli”. La poesia “Notte stellata”,si classifica al primo posto alla Mostra/Concorso “Amore per l’arte” 2012, presso la Galleria Wikiarte di Bologna. È tra i firmatari del Metateismo, movimento artistico e culturale, costituito a Milano a fine Dicembre 2012. Nell’ottobre 2013 è tra i dieci finalisti della sezione Poesia del Premio Letterario Internazionale “Città di Castello”.

Pietro Pancamo è uno scrittore a cui la radio nazionale della Svizzera italiana ha dedicato, nel 2012, una puntata del programma “Poemondo”.
Per il portale culturale di Hong Kong “Beyond Thirty-Nine”, conduce attualmente il podcast web-radiofonico “Good Mo(u)rning, Italy”.
Fra le riviste e i siti da cui è stato recensito –o su cui ha pubblicato poesie, articoli o racconti– figurano “Poesia” (Crocetti Editore), il blog “Poesia” della Rai, “La Stampa”, il “Corriere della Sera”, “Vibrisse”, “Atelier”, “La poesia e lo spirito”, “Poeti e poetastri”, “Stilos”, “El Ghibli”, “Subway Letteratura”, “Sagarana”, “IF. Insolito & Fantastico”, “Il Paradiso degli Orchi”, “BooksBrothers”, “GraphoMania”, “Gradiva”, “filling Station” e “Snow Monkey”.


Share